Dalla lettura l’arte di ascoltare e comprendere

I libri sono nostri amici. La lettura aiuta sempre.

– Ci si può librare attraverso la lettura. E il viaggio inizia. La mente si desta, curiosa. Supera costrizioni che trattengono e limitano..
– I libri aprono orizzonti nuovi, tra il fantastico e il reale. Inoltre colorano pareti e pavimenti, arredano e riempiono la casa.
– Anche ad occhi chiusi, dopo aver letto, la copertina resta vivida, mentre le parole proiettano immagini che si trasformano e diventano narrazione visiva.
– Un libro non finisce mai di stupirci, continua scoperta di emozioni che si rinnovano nei passi cercati e riletti. Le dita, sensibili alla consistenza della carta, sentono e sfogliano pagine, mentre gli occhi seguono lesti le parole, per ricucire il periodo sospeso.
– Ogni libro ha il suo odore, dato dai personaggi e dai luoghi coinvolti.
– La riflessione viene spontanea, con il confronto nella quotidianità che incalza e sempre più rapida, muta confini e riscontri.
– In un mondo in divenire, per fortuna la Montagna è lì, sicuro riferimento.

12 libri da leggere durante le vacanze di Natale e Capodanno
su consiglio di Eugenio Di Donato

In queste festività ci attendono giornate piene, con momenti da poter dedicare alla lettura. Le prossime settimane possono essere occasione di pausa e riflessione con un libro accattivante, scambio di opinioni, storie raccontate, tra una bevanda calda e dolci natalizi.

Eugenio Di Donato ha scritto il romanzo Sangue e Latte, dei racconti e due raccolte di poesie.
https://eldoctorsax.blogspot.com/2020/05/sangue-e-latte-eugenio-di-donato

Eugenio consiglia, insieme al suo,  i libri di altri  11 autori, su temi vari, tra i quali scegliere.

Ci fa sapere, come scrittore/lettore che si sente vicino ai libri e “…– direi tanti –per temperamento, emozioni, intenzioni, e circostanze in cui sono stati scritti. Ho una predilezione per le forme brevi. Per i racconti. Non è un caso che «sangue e latte» sia un romanzo di appena un centinaio di pagine.
Mostrerò libri brevi, libri di autori che possiedono il dono della sintesi. Parlerò di libri utensili, libri leva con cui forzare le fessure del reale per aprire finestre sull’assurdo, violento e – circoscritto – irreale in cui viviamo.

Eugenio continua con:
….Ho inteso la scrittura come uno strumento, un oggetto afferrabile che abbia le fattezze di un utensile in grado di stendere e plasmare il pensiero, che ne ridisegni l’estensione e ne muti l’immaginario

E a proposito di utensili e di afferrare
“Mesi fa sono stato a una mostra. Ci sono tornato tre volte. La storia dell’uomo narrata dagli albori a oggi attraverso cento oggetti e cento verbi. Il primo reperto era un sasso di 400.000 anni fa. Il verbo associato, esistere. Nella campana di vetro adiacente un sasso della stessa età. Sagomato. Il verbo associato, afferrare.
Guardo i due sassi. Esistere e afferrare. Il sasso, e il sasso levigato. L’afferrare è quindi una forma evoluta dell’esistere. È vivere.
Due sassi e due verbi, a suggerire che l’uomo abbia affermato la propria esistenza prendendo.”
Sangue e Latte, pag 96 (di Eugenio Di Donato, El Doctor Sax)

BUONA LETTURA!!!

1) il monopolio dell’uomo, di Anna Kuliscioff, ortica editrice (2011 da conferenza del 1890)
2) realismo capitalista, di Mark Fisher, nero editions (2018)
3) post porn, di Valentine aka fluida wolf, eris edizioni (2020)
4) il bambino incantato, di Rachid O., playground (2006)
5) sangue e latte, Eugenio Di Donato, el doctor sax (2020)
6) la sincronicità, di Carl G. Jung, bollati boringhieri (1952)
7) una giovinezza di Blaise Pascal, Marc Pautrel, Archinto (2016)
8) pagare o non pagare, Walter Siti, nottetempo (2018)
9) libro rotto, Luca Buoncristiano, el doctor sax (2017)
10) casamatta, José Díaz Fernández, miraggi (2018)
11) diario del gran paradiso, Anacleto Verrecchia, el doctor sax (2020)
12) notturno, Helen Humphreys, playground (2013)