Categoria: acqua

image_pdfimage_print

SICURI SULLA NEVE – Cai Teramo, Cai Castelli, Cai Isola del Gran Sasso

L’incontro con il Club Alpino Italiano intende informare sulle caratteristiche del manto nevoso e sensibilizzare sul modo più corretto per frequentare l’ambiente innevato. L’esperienza in Montagna deve essere sicura e appagante riuscendo prevenire possibili incidenti da valanga.
L’incontro di venerdì 20 gennaio, è aperto a tutti, soci e non soci, che amano muoversi sul manto nevoso a piedi, con le racchette da neve, con gli sci e le pelli di foca. Prevenire è meglio che subire e quindi con il Cai impariamo a leggere il Bollettino Valanghe e le previsioni Meteo. Impareremo i segreti sulla preparazione e la conduzione di una escursione e su cosa mettere nello zaino.


19 Gennaio 2023 0

Comunicare, Agire, Intervenire… AttiviTàm Abruzzo 2023 del Cai.

In questa fase di grande disagio e deriva culturale è ben salda la Commissione Abruzzo Tutela Ambiente Montano del Club Alpino Italiano.
Nel mese di dicembre 2022 sotto l’albero ho potuto così scartare il numero 3 della Rivista Cai on line AttiviTàm Abruzzo. Un piacevole regalo per me e per tutti noi. Dopo la triste pausa dovuta alla pandemia è stato un salutare immergersi in temi diversi e accattivanti iniziative.
Il Club Alpino Italiano c’è ed è presente: Comunica, Agisce, Interviene.
Tante le iniziative e le proposte.
Ringraziamo Alejandra Meda e Luisa Tritone del Cai per competenza e tenacia.
Buona Lettura e Buona Montagna!


14 Gennaio 2023 0

Le donne smuovono le montagne -GIORNATA INTERNAZIONALE DELLA MONTAGNA, 11 dicembre 2022

Le donne smuovono le montagne
GIORNATA INTERNAZIONALE DELLA MONTAGNA, 11 dicembre 2022
Le donne sono l’altra faccia della Montagna!
In alto troviamo le donne. Sono in tante a condividere la passione per la Montagna. Le seguiamo e le osserviamo ammirati.
Vivono l’empatia, si muovono con competenza e determinazione.
In dote, capacità, curiosità e sensibilità nell’interpretare e tutelare il patrimonio delle montagne italiane, scrigno di biodiversità e culture.
Territori e obiettivi di sostenibilità.
Il Rapporto annuale dell’Alleanza, presentato il 4 ottobre scorso, si apre con un grido di allarme per i molti, troppi passi indietro nel percorso verso il conseguimento degli Obiettivi di sviluppo sostenibile contenuti nell’Agenda ONU 2030.
Abbiamo necessità di una nuova “visione” per il futuro dei territori montani e nuovi “strumenti” che documentano i cambiamenti in atto, ambientali, sociali ed economici.
Progetto Appennino: nell’articolo sono stati estratti dal Rapporto AsviS dati relativi alle Regioni: Abruzzo, Lazio, Marche e Molise.


11 Dicembre 2022 0

-4, verso 11 dicembre 2022: Calendario Sezione Cai Teramo

GIORNATA INTERNAZIONALE DELLA MONTAGNA
La Montagna raccontata e vissuta con passione.
La Sezione Cai di Teramo, propone opportunità escursionistiche e alpinistiche per
avvicinare e conoscere la Montagna.
I soci Cai amano raccontare luoghi e situazioni e lo fanno anche con le splendidi immagini del Calendario.
Pizzo di Moscio, nei Monti della Laga, è meta ambita e panoramica, estiva e invernale. Si staglia nitido, superata la fascia boscata dal Ceppo.
I Monti della Laga sono tenera singolarità naturalistica tra il calcare del Gran Sasso d’Italia, dei Monti Gemelli e dei Monti Sibillini.
L’acqua tormenta la superficie, ruscella veloce e si snoda in profondità.
Dai Monti della Laga lo sviluppo del Gran Sasso d’Italia è splendido e impressionante. Le montagne si guardano e ammiccano.


7 Dicembre 2022 0

-5, verso 11 dicembre 2022: Giornata Internazionale della Montagna

-5: ci avviciniamo a grandi passi a sabato 11 dicembre 2022 GIORNATA INTERNAZIONALE DELLA MONTAGNA
Un appuntamento che anticipa anche gli ultimi giorni del 2022 ANNO INTERNAZIONALE DELLO SVILUPPO SOSTENIBILE DELLA MONTAGNA
E’ tempo di bilanci su quanto accaduto e fatto.
La Costituzione Italiana esprime principi fondamentali che non possono essere indeboliti dai mutamenti politici della società; sono universali e non destinati a garantire tutela solo ai garantiti.
Disuguaglianze e interessi settoriali non sono ammissibili.
L’ambiente, elemento di vita, inclusione e cittadinanza, c’è così come lo vediamo e continuerà a esserci solo se ne avremo cura e se saremo tutti attenti.


6 Dicembre 2022 0

DAL GHIACCIAIO DEL CALDERONE ALL’IDROLOGIA DEL GRAN SASSO D’ITALIA Ambiente montano e valore della risorsa acqua – sabato 26 novembre 2022 – Teramo

Il senso della Giornata di studio del Cai sull’acqua del Gran Sasso d’Italia è quello di accrescere la consapevolezza di questo bene comune, la conoscenza dello stato di fatto delle azioni per la messa in sicurezza dal rischio inquinamento.
Le Relazioni intendono informare e aggiornare cittadini, famiglie e studenti sull’emergenza idrica e climatica con un approccio interdisciplinare che ne esprima il valore come risorsa.
Il Ghiacciaio del Calderone, con ciò che ne resta, è realtà di casa nostra, d’Appennino, simbolo dell’attuale situazione che rinvia a quanto di fortemente critico accade nell’arco alpino e nel mondo.
Gli abitanti di tre province abruzzesi (Teramo, L’Aquila e Pescara) ricevono e bevono acqua di alta qualità prelevata dal massiccio del Gran Sasso d’Italia.
Nel profondo del Gran Sasso d’Italia, oggi Parco Nazionale del Gran Sasso e Monti della Laga, al suo interno, sono stati realizzate le gallerie dell’autostrada A24 Teramo-Roma e i Laboratori dell’Istituto Nazionale di Fisica Nucle are. Opere che interagiscono negativamente con le captazioni idropotabili e l’acquifero. L’ambiente ipogeo va studiato e monitorato a tutela e garanzia della qualità idropotabile nel tempo.


24 Novembre 2022 0

IN MONTAGNA CON IL CAI CASTELLI – domenica 26 giugno 2022 – Family Cai

Escursione alle Gole dell’Inferno Spaccato e alle sorgenti del Fiume Fino.
Continuano, inarrestabili, le proposte escursionistiche e di avvicinamento alla Montagna che la Sezione Cai Castelli rivolge a bambine e bambini con i loro genitori.
Ci troviamo nel Parco Nazionale del Gran Sasso e Monti della Laga, nel territorio del Comune di Arsita ai piedi del Monte Tremoggia e vicini al Nevaio del Gravone.
L’ambiente che si raggiunge è selvaggio e aspro. L’origine di questa fratturata zona è carsica. Troviamo umidità, alberi e muschio che in parte celano una molteplicità di grotte e scure voragini che formano ripide pareti e strapiombi anche di decine di metri. Un ambiente da percorrere con cautela e attenzione.
Come su tutta la fascia pedemontana si percorrono zone con tante testimonianze dell’attività dell’uomo, legate agli scambi commerciali, al baratto, alla pastorizia, all’acqua e al bosco.


23 Giugno 2022 0

SE MUORE IL PO MUORE UN PO’ DELLA NOSTRA FANTASIA

Dopo 120 giorni che non piove il fiume Po è irriconoscibile.
Poca acqua e un livello talmente basso che preoccupa e fa pensare di essere ad agosto quando il caldo attanaglia e non piove. Invece siamo a marzo e troviamo i piloni del ponte tra Boretto e Viadana scoperti. Confrontando le foto di fine febbraio (quando livello era già basso) e di fine marzo (davvero impressionante), ci si rende conto di quanto la situazione sia grave con sponde biancheggianti e dune sparse.
Siccità nell’Italia del Nord
Il nord Italia è tutto condizionato da questi mesi senza pioggia e il Po manifesta in pieno gli effetti della siccità. Si affaccia quindi lo spettro della crisi idrica del 2017.


31 Marzo 2022 0

ACQUA DEL GRAN SASSO – incontro con il Commissario Corrado Gisonni, venerdì 25 marzo 2022 a Teramo

Sarà l’occasione per far conoscere a tutti lo stato delle attività fin qui svolte e il piano delle prossime per arrivare alla soluzione del problema delle interferenze delle gallerie autostradali e dei Laboratori dell’INFN con l’acquifero del Gran Sasso da cui traggono acqua oltre settecentomila cittadini abruzzesi distribuiti su entrambi i versanti della montagna. Ci troviamo nel Parco Nazionale del Gran Sasso e Monti della Laga. Partendo dalla ricostruzione informativa condotta sarà possibile avviare la progettazione preliminare della messa in sicurezza, fase che dovrebbe concludersi nella prossima primavera.


23 Marzo 2022 0

SICCITA’ NELLA GIORNATA MONDIALE DELL’ACQUA – 22 marzo 2022. La storia dell’acqua è storia dei luoghi e della civiltà umana.

Il dibattito sull’acqua e sulla gestione delle risorse idriche è crescente, ma non centrale. Le politiche nazionali e internazionali intervengono con obiettivi significati ma il traguardo resta sempre lontano.
La crisi climatica incide pesantemente sulla qualità delle risorse e sul loro uso. Sempre più si presentano eventi estremi con siccità e alluvioni. Il Mediterraneo è sensibile a queste variazioni evidenziate anche dal Rapporto IPCC dell’ONU. Uno dei temi chiave del Rapporto è la siccità in crescita, che sui territori condiziona società, economia, ambiente, gestione, infrastrutture, produzione e popolazione. Un’escursione al Lago del Corlo vicino a Feltre mi aiuta a documentare l’attuale situazione nel Bellunese.


22 Marzo 2022 0