Categoria: Educazione Ambientale

image_pdfimage_print

Il Rifugio Enrico Faiani

Il Rifugio Enrico Faiani è avvolto dalla bellezza. Lo è in ogni stagione.
Voluto intensamente della Sezione Cai di Castelli, realizzato con grande impegno. E’ nato per finalità aggregare attorno alle attività tematiche dell’associazione. Posto nel verde, al cospetto della Parete Nord del Monte Camicia è un efficace riferimento aperto al sociale ricreativo, culturale, sportivo e conviviale.
Le giornate trascorse in Rifugio sono indelebili. Le esperienze sempre rigeneranti e arricchenti.


22 Gennaio 2023 0

100 ANNI PARCO NAZIONALE D’ABRUZZO, 1923-2023, il privato diventa pubblico

100 ANNI PARCO NAZIONALE D’ABRUZZO, 1923-2023
il privato diventa pubblico
L’11 gennaio 1923 con il Regio decreto legge n. 257 “riguardante la costituzione del Parco Nazionale di Abruzzo” veniva istituito il Parco Nazionale d’Abruzzo, già “sorto” per iniziativa privata il 9 settembre 1922.
Mi aspetto molto da questi 100 anni di Parco per quello che hanno rappresentato.
Lo stretto legame tra uomo e natura evolve in un contesto sempre più attento alla sostenibilità ambientale, sociale ed economica. Crescono reciprocità negli scambi e la diffusione di buone pratiche di convivenza e progresso.
Lavorare insieme
L’Abruzzo deve aspirare ad una realtà di aree protette dialoganti. In Abruzzo ci sono tre parchi nazionali, un parco regionale e una diffusa presenza di riserve che compongono un altro grande parco. Lavorare insieme disegnerà il futuro della nostra società nel patto per l’ambiente Green Deal, Biodiversità 2030, Farm to Fork, PAC e Politiche di coesione sociale, Next generation EU, il PNRR e le Green Community. Certamente, alla luce del centenario del Parco Nazionale d’Abruzzo, Lazio e Molise, sarebbe utile/necessaria una Conferenza regionale delle Aree protette d’Abruzzo.


7 Gennaio 2023 0

-5, verso 11 dicembre 2022: Giornata Internazionale della Montagna

-5: ci avviciniamo a grandi passi a sabato 11 dicembre 2022 GIORNATA INTERNAZIONALE DELLA MONTAGNA
Un appuntamento che anticipa anche gli ultimi giorni del 2022 ANNO INTERNAZIONALE DELLO SVILUPPO SOSTENIBILE DELLA MONTAGNA
E’ tempo di bilanci su quanto accaduto e fatto.
La Costituzione Italiana esprime principi fondamentali che non possono essere indeboliti dai mutamenti politici della società; sono universali e non destinati a garantire tutela solo ai garantiti.
Disuguaglianze e interessi settoriali non sono ammissibili.
L’ambiente, elemento di vita, inclusione e cittadinanza, c’è così come lo vediamo e continuerà a esserci solo se ne avremo cura e se saremo tutti attenti.


6 Dicembre 2022 0

DAL GHIACCIAIO DEL CALDERONE ALL’IDROLOGIA DEL GRAN SASSO D’ITALIA Ambiente montano e valore della risorsa acqua – sabato 26 novembre 2022 – Teramo

Il senso della Giornata di studio del Cai sull’acqua del Gran Sasso d’Italia è quello di accrescere la consapevolezza di questo bene comune, la conoscenza dello stato di fatto delle azioni per la messa in sicurezza dal rischio inquinamento.
Le Relazioni intendono informare e aggiornare cittadini, famiglie e studenti sull’emergenza idrica e climatica con un approccio interdisciplinare che ne esprima il valore come risorsa.
Il Ghiacciaio del Calderone, con ciò che ne resta, è realtà di casa nostra, d’Appennino, simbolo dell’attuale situazione che rinvia a quanto di fortemente critico accade nell’arco alpino e nel mondo.
Gli abitanti di tre province abruzzesi (Teramo, L’Aquila e Pescara) ricevono e bevono acqua di alta qualità prelevata dal massiccio del Gran Sasso d’Italia.
Nel profondo del Gran Sasso d’Italia, oggi Parco Nazionale del Gran Sasso e Monti della Laga, al suo interno, sono stati realizzate le gallerie dell’autostrada A24 Teramo-Roma e i Laboratori dell’Istituto Nazionale di Fisica Nucle are. Opere che interagiscono negativamente con le captazioni idropotabili e l’acquifero. L’ambiente ipogeo va studiato e monitorato a tutela e garanzia della qualità idropotabile nel tempo.


24 Novembre 2022 0

“Giornata della Sostenibilità”- mercoledì 5 ottobre 2022- Comunità resilienti urbane edi montagna -Progetto per le Scuole secondarie di primo e secondo grado

Sostenibilità e Biodiversità
Il 5 novembre ci si interroga su crisi climatica, sostenibilità, biodiversità e le azioni da cittadini consapevoli e attivi. Determinante l’educazione all’ambiente rivolta al mondo della Scuola, che include alunni, insegnanti e famiglie.
Le attuali molte crisi (e un minimo di buonsenso e consapevolezza) impongono che si guardi a uno sviluppo in grado di assicurare il soddisfacimento dei bisogni della generazione presente, senza compromettere la possibilità delle generazioni future di realizzare i propri.
Per tutti si tratta di riuscire a vivere consapevoli dei limiti del nostro unico e solo Pianeta, condividendo le risorse in maniera equa e dignitosa, utilizzando e non sfruttando (li stiamo depauperando in modo irreversibile) i sistemi naturali. Si tratta di trarre le risorse lasciando loro la capacità di rigenerarsi e assorbire inquinanti e decomporre rifiuti.
La biodiversità risulta uno degli elementi essenziali ed irrinunciabili sia per la sopravvivenza della specie umana e per quella delle altre specie, sia per la conservazione degli equilibri globali del Pianeta.
Affascinano le dinamiche evolutive, che animano il progresso, inteso come miglioramento della vita umana e della società, attenta a cambiare stile di vita e costumi nell’uso appropriato (sostenibile) di tecnologia e innovazioni.


22 Settembre 2022 0

CAI CASTELLI e CAI TIVOLI: escursione al Monte COPPE – domenica 18 settembre 2022

Nel Parco Nazionale del Gran Sasso e Monti della Laga. Escursione interregionale Cai Castelli e Cai Tivoli. Da Rigopiano al Monte Coppe sul versante meridionale del Gran Sasso d’Italia osservando ampi paesaggi e le agili evoluzioni del Camoscio d’Abruzzo..
Il saluto e l’arrivederci al Rifugio Enrico Faiani, ai piedi della Parete Nord del Monte Camicia.
L’incontro in quota davanti alla bellezza che sa stupire, diventa momento di riflessione sulla vulnerabilità dei territori dalla tragedia di Rigopiano a quella del fiume Misa delle Marche.
PREVENZIONE, PREVENZIONE, PREVENZIONE! Ci sono risorse e strumenti …utilizziamoli!


18 Settembre 2022 0

I 100 anni del Parco Nazionale d’Abruzzo. Lazio e Molise sono un appuntamento unico e irripetibile. 9 settembre 2022 – Pescasseroli

Cento anni di natura protetta sono un traguardo notevole.
La più antica area protetta d’Appennino, nacque per garantire la sopravvivenza di animali simbolo come: l’orso bruno marsicano e il camoscio d’Abruzzo. Suggestivi gli scenari distribuiti su tre Regioni con 24 Comuni pronti a presentare e far conoscere il Parco.
Quella del Parco d’Abruzzo è stata una storia sofferta tra nascita, ampliamenti, soppressione, ripresa, lottizzazioni, impianti da contenere e importanti riconoscimenti
La prima idea di costituire un Parco Nazionale in Abruzzo partì dalla geniale mente dell’illustre Prof. botanico. Romualdo Pirotta, il cui nome prima d’ogni altro va ricordato e a titolo d’onore anche il Prof. zoologo Alessandro Ghiigi e la Federazione Pro Montibus et Silvis. L’idea fu concretamente definita dall’onorevole Erminio Sipari, parlamentare locale e decisivo fondatore del Parco
Trascorsi cento anni il Parco rappresenta un riferimento internazionale e un luogo privilegiato, laboratorio esperienziale del nuovo paradigma della sostenibilità che comporta cambiamenti radicale sia nello stile di vita sia nel modello di sviluppo.


8 Settembre 2022 0

COME TI DISTRUGGO UN SENTIERO DI MONTAGNA?

Il downhill è uno sport che genera un notevole impatto ambientale ed è una pratica che per corrispondere a una visione sostenibile della frequentazione della Montagna ha bisogno del senso del limite.
Il percorso escursionistico da Pescocostanzo verso il Monte Calvario, nel tratto finale di avvicinamento alla cresta è stato allargato e nel precedente tratto più ripido, la realizzazione di una ripida esse a quattro strette curve ha reso impraticabile il sentiero a piedi in discesa e in salita. E’ stato asportato tutto il protettivo tappeto di cotica erbosa fino a scoprire la roccia e adesso c’è un misto di breccia, terra e roccia.
Libertà violata.
Quello che era un percorso escursionistico è diventato tracciato riservato al solo downhill, con tanto di divieto alla normale percorrenza a piedi. Non una scelta dettata da buon senso buon senso o da una condivisibile tutela della biodiversità, ma da una esasperata e settoriale pratica sportiva.


9 Agosto 2022 3

CLUB ALPINO ITALIANO – 23a SETTIMANA NAZIONALE DELL’ESCURSIONISMO – Feltre

La 23a Settimana Nazionale dell’Escursionismo Cai è un’occasione unica per scoprire territori, culture, vicende e racconti di Montagna. Le giornate consentono di avvicinare aspetti diversi di luoghi e tradizioni da conoscere e tutelare. In questo periodo di continue emergenze e criticità, la piena immersione in eventi, accompagnati in sicurezza sui sentieri, aiuta nella conquista di serenità e consapevolezza.
Le attività in ambiente si svolgeranno nel Parco Nazionale Dolomiti Bellunesi e nei siti Unesco.
La città di Feltre è pronta ad accogliere i tanti escursionisti-visitatori (più di mille).
Organizza la Sezione Cai di Feltre che celebra i 100 anni di fondazione.
Nella giornata di chiusura l’abbraccio finale con il raduno delle Sezioni Cai del Veneto.


26 Giugno 2022 0

IN MONTAGNA CON IL CAI CASTELLI – domenica 26 giugno 2022 – Family Cai

Escursione alle Gole dell’Inferno Spaccato e alle sorgenti del Fiume Fino.
Continuano, inarrestabili, le proposte escursionistiche e di avvicinamento alla Montagna che la Sezione Cai Castelli rivolge a bambine e bambini con i loro genitori.
Ci troviamo nel Parco Nazionale del Gran Sasso e Monti della Laga, nel territorio del Comune di Arsita ai piedi del Monte Tremoggia e vicini al Nevaio del Gravone.
L’ambiente che si raggiunge è selvaggio e aspro. L’origine di questa fratturata zona è carsica. Troviamo umidità, alberi e muschio che in parte celano una molteplicità di grotte e scure voragini che formano ripide pareti e strapiombi anche di decine di metri. Un ambiente da percorrere con cautela e attenzione.
Come su tutta la fascia pedemontana si percorrono zone con tante testimonianze dell’attività dell’uomo, legate agli scambi commerciali, al baratto, alla pastorizia, all’acqua e al bosco.


23 Giugno 2022 0